','auto');ga('send', 'pageview');

consulenza - Blog - Studio Amich - Consulting Engineers

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Sistema Qualità ISO 9001: 2015: è ora di cambiare

Studio Amich - Consulting Engineers
Pubblicato da in CONSULENZA ·
Tags: consulenzacertificazionenormaISO90012015riskmanagementnovità


 
Perché dovrei implementare nella mia azienda un sistema di gestione per la qualità ISO 9001: 2015?

 
 
In quest’ultimo decennio si è assistito, da parte di consulenti ed enti di certificazione poco professionali (ma anche di imprenditori poco illuminati), ad un corsa ad implementare in azienda sistemi di gestione per la qualità assolutamente inutili e inadatti alle esigenze aziendali; ciò ha comportato per molte aziende:

 
 
1)      perdita di tempo per dipendenti e collaboratori per “fare carte” e per ottenere il “certificato”;
 
2)      perdita di soldi da parte dell’imprenditore (sia per la consulenza per la certificazione);
 
3)      implementazione di procedure e modulistica sostanzialmente inutili per la vita dell’azienda;
 
4)      aumento della burocrazia nella gestione dei processi aziendali.
 
 
Tutto ciò ha comportato una disaffezione da parte molti imprenditori a questo tipo di norma; la conseguenza è che spesso, la percezione che le imprese hanno di questo mondo, è falsata (è una burocrazia inutile, solo carte, un’ulteriore balzello che gli enti ci costringono a pagare se vuoi partecipare a gare, ecc…).

 
 
Il mio consiglio è, se hai questa percezione della qualità, di lasciar perdere e non procedere all’implementazione di un sistema qualità.

 
 
A meno che:

 
 
1)     Tu non voglia realmente pensare a riorganizzarti in modo più efficiente ed efficace;
 
2)  Tu non voglia dotarti di un sistema di controllo (cruscotto) con indicatori che riportino periodicamente l’andamento di tutte le attività (anche economiche) della tua azienda;
 
3)  Tu non voglia avere un quadro chiaro dei rischi/opportunità derivanti dalla tua attività, periodicamente riesaminato;
 
4)     Tu non voglia basare le tue decisioni future ed eventuali investimenti, su dati certi.

5)     Tu non voglia ridurre i rischi d'impresa ed i relativi costi, aumentando gli utili.

 
 
Allora in questo caso ti consiglio, assolutamente, l’implementazione di un sistema di gestione per la qualità secondo la nuova edizione della norma ISO 9001: 2015, che prevede meno carte, meno burocrazia, meno documenti obbligatori, ma ti indica, tra le altre cose, come implementare una reale ed efficace analisi dei rischi/opportunità.

 
 
Contattaci subito qui per un primo incontro gratuito o per una consulenza.

(Passaggio dall'edizione 2008 alla nuova 2015, o nuova certificazione).




Come ottenere attestati e formazione sicurezza (81/08) gratuita e valida a tutti gli effetti di legge

Studio Amich - Consulting Engineers
Pubblicato da in FORMAZIONE ·
Tags: corsisicurezzafondiinterprofessionaliconsulenzaformazionegratuitaformaziendafondimpresa






Oggi gli imprenditori, gravati da oneri finanziari e fiscali, nella scelta di consulenti e formatori per i corsi sicurezza, sottovalutano l’importanza della formazione in tale campo (ma non solo) e si affidano sempre più a società/consulenti che praticano il prezzo più basso.


Ciò ha come conseguenza, nella migliore delle ipotesi, di ottenere formazione erogata da professionisti inesperti, alle prime armi, che non possono offrire un valore aggiunto all’azienda.


E’ possibile, attraverso i fondi interprofessionali, ovviare a questo problema.


Infatti l’azienda, attraverso l’adesione gratuita a tali fondi, può usufruire della formazione, senza doversi preoccupare di pagare il docente.


Studio Amich – Consulting Engineers ha esperienza ultraventennale in consulenza e formazione sicurezza e si occupa gratuitamente, tra le altre cose, di:

1. verificare il fabbisogno formativo in azienda;
2. Organizzare i corsi di formazione;
3. Erogare la formazione;
4. Rilasciare attestati validi;
5. Gestire gli aspetti burocratici e amministrativi.
 

Per aderire ai fondi contattaci adesso ai seguenti numeri/indirizzi:
Ing. Claudio Amich
347.5923479
081.0117148
info@studioamich.it


 






Come valutare le offerte per una prestazione professionale

Studio Amich - Consulting Engineers
Pubblicato da in CONSULENZA ·
Tags: consulentiaziendaliingegnerilavoroprofessionistirischioconsulenzaerratavalutazioneofferteprofessionistivalutazioneoffertesocietàdiconsulenza

"SE PENSI SIA COSTOSO ASSUMERE UN PROFESSIONISTA ASPETTA DI VEDERE QUANTO TI COSTA ASSUMERE UN DILETTANTE"

Non si può non essere d'accordo con questa affermazione.

Chi ingaggia un professionista o una società di servizi, nell'esaminare le offerte, dovrebbe sempre valutare almeno questi 3 punti:

1) il prezzo (che deve essere commisurato alla prestazione proposta, all'esperienza e alle referenze del professionista o dell'organizzazione);

2) il curriculum e le qualifiche di chi la propone;

3) le referenze (lavori simili eseguiti presso altri clienti).

Per esperienza personale, quasi sempre ci si ferma a considerare il solo prezzo di una prestazione professionale e non si pone attenzione al rischio che un'errata o incompleta consulenza può arrecare.

Ad esempio tra i rischi vi è quello di dover rifare o completare un lavoro, ingaggiando un altro professionista (stesso lavoro pagato 2 volte), ricevere sanzioni da Enti (ad esempio nel caso della sicurezza sul lavoro), sprecare risorse (tempo e denaro) per impostazione poco efficace ed efficiente di un sistema di gestione (es. qualità).

Meglio prevenire che curare.

Buon lavoro a tutti.
www.studioamich.it
www.studioacademy.it




Torna ai contenuti | Torna al menu